Territorio - Rocchetta Mattei, Chiesa Santa Maria Assunta e Borgo la Scola Hotel Porretta Terme (Bo)

Hotel Helvetia Thermal Spa

Prenota Online

 
Prenota il tuo soggiorno Miglior tariffa garantita
Rocchetta Mattei, Chiesa Santa Maria Assunta e Borgo la Scola

Nel cuore dell’Appennino, arte, cultura e storia si uniscono in modo straordinario. Vi proponiamo alcuni gioielli architettonici dell’Alto Reno.

ROCCHETTA MATTEI
La Rocchetta Mattei è piccolo castello assolutamente fiabesco e straordinario, proprio come il suo ideatore, il conte Cesare Mattei (1809-1896) letterato, politico, medico inventore dell’elettromeopatia che lo rese famoso in tutta Europa. Costruì sulle rovine dell’antico castello del duecento, la sua Rocchetta, un vero e proprio miscuglio di stili e di trovate architettoniche particolari, ispirate alle architetture moresche, medioevali e neogotiche.

Grazie ad un sapiente restauro, dal 2015 la Rocchetta è nuovamente visitabile su prenotazione.

BORGO LA SCOLA
Borgo La Scola, la cui esistenza risale al VI secolo  ma di cui abbiamo tracce documentate dal 1385, è un luogo magico  che resiste miracolosamente al trascorrere del tempo. Edificato in una posizione strategica dal puto di vista militare (qui passava, infatti, il confine che divideva l’Esarcato dalle terre dei Longobardi), l’aspetto attuale del borgo si è formato  tra il XIV e XVI quando gli abitanti del contado presero possesso delle terre lasciate dai monasteri e dalle famiglie nobili che rientravano nelle città. Le torri, non più come mezzi di difesa, si trasformarono in  abitazioni sotto le abili mani dei Maestri Comacini  che operarono in queste zone a partire dal ‘300

CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA A RIOLA
Sorge a Riola di Vergato la Chiesa di Santa Maria Assunta, uno dei maggiori esempi di architettura moderna sacra progettata da Alvar Aalto, architetto, designer, accademico finlandese, maestro del movimento moderno, esponente del funzionalismo.Le linee, i volumi, la luce, tutto focalizza l’attenzione sul punto centrale della liturgia, senza le distrazioni provocate dalla suppellettile ridotta all’essenziale