Appennino Tosco Emiliano da visitare

Per chi è alla ricerca di luoghi non ordinari e di mete di viaggio dove l’essenza della vita locale rappresenta ancora i valori del territorio, l’Appennino Tosco Emiliano è senza dubbio il posto giusto da visitare in Emilia Romagna.

Intriso di un fascino romantico in cui il tempo scorre lento e pacifico tra antichi borghi, rocche e castelli incantati, protagonisti di uno scenario naturale di grande ricchezza e generosità, questo è l’Appennino Tosco Emiliano da visitare!

Quando? Ogni stagione riserva delle sorprese!

L’autunno, con i colori caldi e avvolgenti delle foreste e dei boschi che fanno da anfiteatro ai piccoli villaggi di poche antiche case, i cui muri di sassi trasudano di una vita semplice e autentica.

L’inverno, con le montagne innevate che offrono il loro candido mantello mentre a valle il fumo dei caminetti riscalda la vita dei borghi, mentre il vapore delle acque termali avvolge il corso del fiume.

La primavera, con il rigoglioso rinascere della natura, tra il verde acceso degli alberi e gli allegri colori dei fiori di campo che si perdono a vista d’occhio dalle finestre dei castelli che si ergono a fortezze sornione con le loro architetture fiabesche.

L’estate, la fuga dall’afa cittadina per un respiro di aria rigenerante e le passeggiate all’ombra degli alberi secolari tra i laghetti di montagna, in attesa di cenare sotto le stelle che qui, lontano dall’inquinamento luminoso, brillano di una luce speciale.

Sono tantissime le opportunità che l’Appennino Tosco-Emiliano offre per chi cerca una meta alternativa per delle vacanze verdi all’insegna del benessere di corpo e spirito. Iniziando il nostro soggiorno da Porretta Terme, si ha il grande beneficio della scelta, ovvero la possibilità di unire un soggiorno termale a un programma di viaggio ricco di attività all’aria aperta, tra natura, sport, cultura ed enogastronomia.

Appennino Tosco Emiliano da visitare
La nostra selezione di “imperdibili” per un weekend nel cuore dell’Emilia Romagna è

PER CHI AMA LA NATURA
Le Grotte di Labante
A pochi chilometri da Bologna, nel Comune di Castel d’Aiano, scoprirete uno dei più rari fenomeni carsici esistenti. Si tratta della più grande grotta primaria nei travertini d’Italia e forse una delle più grandi del mondo: la Grotta di Labante. Con i suoi 51 mt. di lunghezza, la grotta di Labante è uno spettacolare fenomeno della natura, al cui interno di scoprono cunicoli e pertugi scavati nei secoli dall’azione naturale dell’acqua che ha plasmato vegetali e cristalli di calcite dalle forme più strane. All’uscita, alzando gli occhi verso la cascata naturale che la lambisce, non sarà difficile scoprire un meraviglioso arcobaleno.

PER CHI AMA I BORGHI ANTICHI
Il Borgo di Tresana e Il Borgo La Scola
Un piccolo itinerario in due luoghi più emblematici che mantengono intatto l’incanto del tempo antico, alla scoperta di due dei borghi più affascinanti che punteggiano questo territorio dove la natura selvaggia fa da padrone.
Il Borgo di Tresana, con le sue case costruite con i sassi, immerse in un antico castagneto e faggeto, si trova a un’altitudine di 930 metri, alle falde del Monte Tresca da cui forse deriva il nome. Prima di raggiungere il borgo non bisogna perdere una tappa lungo la Via dei Mulini. Il Mulino di Tognarino sul Rio Fantin – un gruppo di case nate attorno al vecchio mulino in cui si macinavano le castagne provenienti dai vari essiccatoi della zona. Dal Mulino di Tognarino, infine, un sentiero (il 147A), scende verso il fiume Silla fino al laghetto di Porchia o più in là al Mulino di Taccaia, passando per il Mulino di Masseré.
Il Borgo La Scola, dove appena si arriva non si può fare a meno di pensare di essere improvvisamente tornati indietro nel tempo, e non è una retorica. Qui tutte le case risalgono al 1400/1500 e sono eccezionali esempi di architettura medievale. Nato come quartiere militare e luogo di residenza e difesa del centro monastico di Montovolo, questo borgo rimasto indenne al passare delle epoche, aveva una grande importanza economica e commerciale, oltre che religiosa, senza considerare che il tuo territorio segnava il confine con quello dell’impero Longobardo e per questo è testimonianza delle storiche lotte tra Franchi e Longobardi.

PER CHI AMA LE TERME
Porretta Terme
Il territorio dell’Appennino Tosco Emiliano racchiude in sé la ricchezza di sorgenti termali uniche nel loro genere, rinomate fin dall’epoca degli antichi romani. La vocazione per il benessere naturale è qui di casa. Per questa ragione Porretta Terme è un punto di riferimento per tutti gli appassionati di acque termali e dei loro irrinunciabili benefici.
Helvetia Thermal SPA con le sue acque salsobromoiodiche, offre la possibilità di trascorrere dei periodi di relax all’interno della propria SPA Termale, un’esperienza alla scoperta di questa grande ricchezza locale. Ogni stagione è indicata per dedicare del tempo al benessere del proprio corpo e della propria mente.
A questo scopo, la SPA Helvetia offre la possibilità sia di prenotare l’accesso giornaliero alla piscina termale, con molti pacchetti Day SPA tematici, sia per dei soggiorni e weekend termali con programmi e trattamenti di benessere e bellezza a base di acque termali e di prodotti altamente innovativi, fatti di sostanze naturali.

SE TUTTO QUESTO ANCORA NON BASTA PER VENIRE A SCOPRIRE L’APPENNINO TOSCO-EMILIANO
CLICCA E SCOPRI TUTTE LE NOSTRE PROPOSTE DI VISITA E ATTIVITA’ NEL NOSTRO TERRITORIO

SCRIVICI! oppure
Telefona +39053422214

SPA termale appennino tosco emiliano